Akebia quinata: una pianta rampicante e mozzafiato

L'akebia quinata.
Spread the love

Le piante sono fondamentali per noi e per la nostra vita sulla terra perché immettono ossigeno molecolare in atmosfera grazie alla fotosintesi clorofilliana. Ora, quindi, ne parleremo focalizzando l’attenzione su un altro essere spettacolare: Akebia quinata. Le informazioni le ho prese da un articolo pubblicato su Piante.

Conosciamola meglio

Iniziamo dalle presentazioni ufficiali della pianta evidenziando come l’akebia sia rampicante, come l’edera, e appartiene alla famiglia delle Lardizabalacee.

In aggiunta, i suoi fusti sono molto sottili e si possono aggrappare sui muri grazie a dei meccanismi sofisticati che permettono un’arrampicata da urlo.

Un po’ di classificazione scientifica dell’akebia

Dopo aver visto le presentazioni possiamo proseguire il discorso focalizzando l’attenzione sulla sua classificazione scientifica! La pianta è nota con il nome scientifico di Akebia quinata.

Dove vive in natura?

Ma dove la possiamo incontrare in natura? Il suo territorio di origine è il continente asiatico e si sviluppa al meglio sui terreni che sono composti da materia organica e che hanno un sistema di drenaggio dell’acqua che funziona alla grande.

Condizioni climatiche che tollera la pianta

Ma quali sono le condizioni climatiche ideali che l’akebia tollera? La caratteristica principale che dobbiamo tenere in mente è che si sviluppa meglio nelle zone luminose ed eccezionalmente soleggiate, tuttavia può crescere alla grande anche nelle aree ombreggianti.

La pianta ha un buon livello di adattamento e resiste molto bene nei posti dove gli inverni sono estremamente freddi, gelidi e rigidi.

Malattie e agenti parassitari

Ci sono dei nemici in natura che possono essere pericolosi? Pensate che questa pianta ha una buona resistenza e raramente è minacciata da malattie e parassiti di ogni genere.

Come abbiamo visto all’inizio, la pianta ha un ruolo importante per noi e per la nostra salvezza sulla strepitosa Terra.

Volete aggiungere altre informazioni interessanti? Che cosa ne pensate? Rispondete nei commenti.

(Foto da Fassaden)

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required