Come si forma uno tsunami? E un terremoto?

Come si forma uno tsunami? E un terremoto?

Stamattina si è verificato un maxi terremoto in Giappone. Si sta parlando e discutendo del possibile tsunami che potrebbe colpire il Giappone e non solo. Ma cos’è veramente uno tsunami? E un terremoto?

Un terremoto è un processo naturale che consiste nell’improvvisa liberazione di energia meccanica da un punto della Terra, sotto forma di vibrazioni che si propagano nella roccia in tutte le direzioni. Il punto in cui ha origine il terremoto prende il nome di ipocentro; si può trovare anche a notevole profondità al di sotto della superficie terrestre, fino a un massimo di circa 700 km; il punto della superficie terrestre corrispondente all’ipocentro prende il nome di epicentro.

E lo tsunami? Lo Tsunami si manifesta per mezzo di onde alte anche 20 metri che, se dovessero abbattersi su una costa sarebbero estremamente devastanti perché il moto ondoso generato da uno tsunami può raggiungere una velocità di circa 700 km/h (anche più).

Ma quali sono i fenomeni che producono uno tsunami? Impatto di meteoriti, terremoti sottomarini, esplosioni, vulcani sottomarini. Queste sono le cause che si leggono ovunque. Ne manca una all’appello. La frana sulla scarpata continentale (zona sottomarina costituita da un pendio).

Ancora non esiste un modo sicuro di prevedere un terremoto.

Commenti

  • a thought by Se uno tsunami si sviluppase nel Mar Mediterraneo?

    […] conosciamo la froza distruttiva di uno tsunami (o maremoto). Ne sentiamo parlare spesso ai telegiornali. Ma se si producesse nel Mar Mediterraneo, […]

    Rispondi

  • a thought by Cosa fare in caso di tsunami

    […] una lista di cose da fare per le persone che vivono in un’area geografica spesso soggetta tsunami. Ho ricavato la seguente lista da un mio libro di geologia: “Capire la Terra”, edito da […]

    Rispondi

  • a thought by Si possono prevedere i terremoti?

    […] i terremoti si potessero prevedere, la popolazione potrebbe essere evacuata dalle zone pericolose e molti […]

    Rispondi

  • a thought by Precedenti tsunami nel mondo

    […] un articolo riscontrato sull’Ansa, ho creato una tabella inerente i precedenti tsunami nel mondo, specificandone il luogo, la data, il terremoto scatenante lo tsunami (in scala Richter) […]

    Rispondi

  • a thought by Il vulcano Marsili potrebbe causare uno tsunami?

    […] ho esposto le cause determinanti lo tsunami, ho citato anche i vulcani sottomarini. Eruttando generano un’energia talmente elevata da […]

    Rispondi

  • a thought by Pasquale

    Alessio caro, ti volevo chiedere ..è più pericoloso uno tsunami o un terremoto?? e quali sono le vere differenze??

    PS: vedi che manca l’accento ad una “e” all’inizio della pagina..dottoreeeee si correggaaaa!!
    🙂

    Rispondi

    • a thought by aletave

      Carissimo Pasquale, madonna che sei pignolo :-D. E poi non è un errore. HO USATO LA E COME CONGIUNZIONE!!!!!!!!
      Veniamo a noi. Un terremoto si forma a causa di una deformazione o una rottura tra due blocchi di rocce con liberazione di una notevole quantità di energia: la terra trema. Lo tsunami, invece, riguarda un movimento della massa d’acqua (serie di onde anomale).
      Bene. Secondo una mia analisi, uno tsunami è molto più pericoloso. Esempio del Giappone: un terremoto di magnitudo 9 della scala Richter a largo della costa ha originato uno tsunami abbastanza intenso. La maggior parte dei danni in Giappone sono dovuti non al terremoto, perchè gli edifici, bene o male, hanno reagito bene, ma allo tsunami che ha devastato tutto abbattendosi sulle coste e spazzando via tutto ciò che ha trovato sul suo percorso.
      Spero di averti chiarito le idee. A presto.

      Rispondi

  • a thought by Pasquale

    grazie per la risposta puntuale, e Le chiedo scusa per la cosiddetta “e” ..hai ragione te!

    Rispondi

  • a thought by Tettonica a placche: lezione di geologia

    […] i meccanismi inerenti la loro formazione e sviluppo. Come si sviluppano terremoti con relativo tsunami (quando ci sono le condizioni) e vulcani. Da cosa deriva tutto ciò? Alla fine dei conti, da cosa […]

    Rispondi

  • a thought by Pericolo dall'Etna -Scienze Naturali

    […] e più pericoloso viene considerato un vulcano. A proposito di pericolosità, i vulcani (e i terremoti) potenzialmente più dannosi si trovano (o si verificano, nel caso dei terremoti) lungo i confini […]

    Rispondi

  • a thought by Rischio sismico in Calabria: la situazione -Scienze Naturali

    […] sta spingendo verso la placca europea: così facendo, crea dei movimenti della terra che producono terremoti di diversa intensità, come il terremoto di Reggio Calabria e Messina del 1908 di magnitudo 7,7 […]

    Rispondi

  • a thought by Scossa di terremoto colpisce il Nord del nostro paese -Scienze Naturali

    […] pomeriggi fa, l’Italia settentrionale è stata scossa da una scossa di terremoto che ha seminato il panico ed è stata avvertita in tutto il Nord Italia. L’epicentro è stato […]

    Rispondi

  • a thought by Fukushima, Giappone: un anno dopo -Scienze Naturali

    […] di voi si ricorderà sicuramente del terremoto con relativo tsunami che si è scatenato a Fukushima, in Giappone, circa un anno fa: 11 marzo 2011. Tutti ricorderanno […]

    Rispondi

  • a thought by Scossa di terremoto tra Calabria e Basilicata –

    […] scossa di terremoto è stata registrata ieri notte sul Monte Pollino, esattamente tra la Calabria e la Basilicata. La […]

    Rispondi

  • a thought by Il declino del nucleare negli ultimi anni –

    […] affatto. Sto parlando del disastro nucleare di Fukushima provocato da un terremoto con relativo tsunami, come tutti ben sapranno. Non fu un errore umano a causare quel disastro come è accaduto (anche se […]

    Rispondi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required