Il faggio comune: tutto quello che c’è da sapere

Il faggio comune.
Spread the love

Oggi continuiamo con le piante parlandone di un’altra davvero bella, il faggio comune, grazie alle informazioni che ho preso dal sito Innatura.

Le piante sono esseri viventi davvero sorprendenti e che vanno rispettate.

Un po’ di sistematica

Questa pianta è una specie unica che ha bisogno di qualche presentazione e posso dire che è nota scientificamente come Fagus sylvatica.

Decidua, può raggiungere i 40 metri di altezza, il fusto grigio, liscio e la chioma folta.

Descrizione del faggio comune

Il faggio comune ha le foglie alterne, verde, ovate e con un margine che è ondulato. I frutti sono, invece, degli acheni che sono chiamati faggine e sono portati sempre in numero di due dentro ogni cupola.

Le faggine sono una fonte di alimento per i bellissimi scoiattoli e il faggio comune ha un accrescimento lento, ma è molto longevo e può arrivare a ben 200 anni di vita.

Dove vive

Il faggio condivide il suo terreno con il castagno e le betulle, oppure riesce a formare da solo delle faggete immense: in Liguria si assiste alla faggeta più bella di tutta l’Europa.

Uso alimentare

Il faggio può essere impiegato in cucina e c’è da dire che le sue foglie bollite equivalgono a quelle del cavolo, ma senza emette odori particolarmente forti.

Ma ci sono altri usi in cucina, come le gemme che vengono bollite in aceto e si possono conservare sottolio

In medicina

In gemmoterapia la pianta del faggio comune viene impiegata per la sua buona azione sui reni ed è davvero indicata, ragazzi, per l’insufficienza renale.

Il faggio comune è una pianta che si presta a tante cose, come abbiamo appena visto, e per questo motivo è bene tenerla sott’occhio.

Vi piace? Cosa ne pensate? Rispondete nei commenti.

(Foto da Innatura)

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required