La Luna può provocare i terremoti?

luna terremoti

I tragici eventi che hanno sconvolto l’Italia centrale negli ultimi mesi, con sismi terribili che hanno messo in ginocchio migliaia di persone, hanno portato nuovamente alla ribalta una questione fortemente dibattuta dagli scienziati, ovvero l’influenza che la Luna potrebbe avere sui terremoti.

La pagina scientifica di Fanpage riporta uno studio statistico dal titolo “Earthquake potential revealed by tidal influence on earthquake size–frequency statistics” pubblicato anche su Nature, che pare confermare che i terremoti più importanti avvengano in corrispondenza della luna nuova o della luna piena.

Tuttavia, sappiamo tutti che le coincidenze, anche se statisticamente rilevantiLa luna può provocare i terremoti?, non costituiscono una prova scientifica.

Alcuni ricercatori hanno, però, teorizzato che un terremoto potrebbe essere favorito nella sua propagazione in coincidenza dello stato di stress delle maree… che la luna influenzi le maree è una cosa da molti ritenuta certa.

I ricercatori della NASA ci hanno avvertito che la maggior vicinanza della Luna non incrementa le maree, semmai si verifica il contrario e, quindi, anche questa ipotesi non ottiene la piena convinzione da parte della comunità scientifica.

In definitiva, la questione rimane ancora totalmente aperta, come purtroppo è ancora molto lontana la soluzione al problema della previsione dei sismi. La Scienza è molto impegnata in questo ambito e non si dispera che in futuro qualcosa di positivo possa accadere.

Commenti

  • a thought by Patrizia

    Da qualche anno le placche terrestri si danno da fare, ma la ragione non la conosciamo ancora, ed è inutile cercare la luna nel pozzo, dato che persino le lunghe catene vulcaniche al Polo Sud, alcuni scienziati hanno scoperto nel 2015 che emanano un forte calore anomalo ed inspiegabile sotto i ghiacci.
    Nel link sottostante le Analisi scientifiche comprovanti in lingua madre.
    http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/2015JB012455/abstract

    Rispondi

    • a thought by aletave

      Grazie per l’approfondimento.

      Rispondi

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required