Ecco tutte le proprietà dell’ecologia

Si parla spesso di ecologia: cos'è?

Una conseguenza importante dell’organizzazione gerarchica è che combinando parti che compongono un livello per produrre quello più elevato emergono nuove proprietà: questo è il principio delle proprietà emergenti. Per esempio, quando l’idrogeno e l’ossigeno si combinano in una certa configurazione molecolare, formano l’acqua, un liquido con proprietà completamente diverse da quelle dei suoi componenti gassosi.

Bisogna però distinguere tra proprietà emergenti e proprietà collettive, che sono l’insieme dei comportamenti delle componenti: un esempio è dato dalla natalità, essendo semplicemente la somma delle nascite di individui in un dato periodo di tempo.

La variabilità di un sistema unitario è inferiore alla somma delle variabilità delle sue parti: per esempio, la velocità di fotosintesi di una foresta è meno variabile di quella delle singole foglie o delle singole piante che compongono la comunità perché, se una componente rallenta, un’altra può accelerare per compensare.

Un modello ecologico è la simulazione di un fenomeno reale mediante il quale si possono fare delle previsioni e, perché le predizioni quantitative siano ragionevolmente buone, i modelli devono essere statistici e matematici (formali), ma possono essere anche descrittivi o grafici (informali). Quando un modello non funziona, ovvero quando non simula bene il mondo reale, i risultati ottenuti dall’elaborazione del computer possono spesso fornire delle tracce per individuare i cambiamenti necessari. Una volta che un modello si rivela utile, le occasioni di sperimentarlo sono infinite.

I meccanismi di regolazione dei modello ecologici sono rappresentate dagli anelli di retro-controllo:

 

→ A → B → C →

↑――――――↓

Anello di retro-controllo

 

Per esempio, un anello di retro controllo potrebbe essere rappresentato dalla predazione da parte di organismi “a valle” C che riducono e quindi tendono a controllare la crescita degli erbivori o delle piante “a monte” B e A della catena trofica.

Un altro esempio di modello ecologico è quello che rappresenta la relazione tra la concentrazione della CO2 atmosferica e il riscaldamento climatico: un aumento della CO2 ha un effetto serra positivo sul riscaldamento globale e sulla crescita delle piante; il sistema suolo si adatta al riscaldamento e, questo adattamento, porta ad un sistema di retro-controllo negativo sul sequestro di carbonio nel suolo, riducendo in questo modo le emissioni di CO2 all’atmosfera.

 

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required