A cosa servono le zanzare?

A cosa servono le zanzare?

Negli ultimi tempi, complice anche la salita alla ribalta del virus Zika, è tornata d’attualità la zanzara. Questo minuscolo insetto è spesso bersaglio delle ire dell’uomo perché è fastidioso e con le sue punture anche molesto per la nostra specie. Sono in molti coloro che vedrebbero di buon occhio una resa dei conti finale con l’obiettivo di sterminare le zanzare. Ma ci siamo mai chiesti a cosa servono le zanzare e che parte recitano nell’equilibrio del pianeta?

La risposta è inaspettata: non lo sappiamo. Recentemente, la questione è stata evidenziata dalla prestigiosa rivista online National Geographic Italia. Conosciamo, infatti, fin troppo bene l’impatto che la sua presenza crea, soprattutto in relazione ai danni che procura con la trasmissione dei virus e la diffusione di molte malattie. Le statistiche parlano dolorosamente di circa 438.000 morti di malaria nel 2015, di 30.000 di febbre gialla, mentre i decessi in conseguenza della contrazione di dengue sarebbero 22.000.

Quello che però lascia perplessi è appunto il fatto che non si sappia cosa accadrebbe se le zanzare non esistessero

A cosa servono le zanzare?
Pipistrello: un esemplare di Pteropus giganteo, una delle specie ritenute forse, erroneamente, a rischio in caso di scomparsa delle zanzare.

più. Qualcuno ha avanzato l’ipotesi che verrebbe a mancare una fonte di alimentazione molto importante per un gran numero di specie, quali ad esempio pipistrelli, pesci, uccelli, libellule e tartarughe, tanto per citarne alcune.

Questa tesi viene però smentita dal professor Winifred Frick della University of California a Santa Cruz, il quale ritiene che la zanzara non costituisce una fonte esclusiva di sostentamento per alcuna specie e tutte quelle che se ne cibano sono predatori generalisti, in grado di procurarsi altro cibo. Resta però il fatto che le zanzare contribuiscono in modo importante all’impollinazione in quanto si cibano di nettare.

Secondo Ann Froschauer dello U.S. Fish and Wildlife Service un’eventuale soppressione delle oltre 3.500 specie di zanzare sarebbe come un pericoloso salto nel buio perché la loro posizione nella catena alimentare del pianeta non è affatto nota.

La questione rimane aperta, ma è indubbiamente vero quello che ha dichiarato il noto biologo E.O. Wilson, biologo statunitense Premio Pulitzer per la saggistica, ovvero che purtroppo ne sappiamo poco.

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required