Gli uccelli marini mangiano la plastica! Ecco perché

uccelli marini plastica

Difficile spiegarsi come mai tante specie non riescano a distinguere il cibo dalla plastica, che spesso le uccide. I mari ormai ne sono pieni, con conseguenze drammatiche per plancton, balene, uccelli marini. La risposta a questo quesito arriva da uno studio pubblicato su Science Advances e guidato da Matthew Savoca (University of California), che ci spiega che la plastica per gli uccelli odora di cibo. La notizia è riportata da Focus.

Ma vediamo nel dettaglio cosa succede, partendo dalle alghe: queste sono consumate dal krill, che comprende piccoli invertebrati marini, consumati a loro volta da molti animali e uccelli marini. Quando le alghe si rompono (per motivi del tutto naturali) liberano molecole odorose, in particolare il dimetil solfuro [DMS: (CH3)2S)]. Tale odore per gli uccelli è un segnale della presenza di cibo, e quando questo odore di uova marce e di zolfo arriva al cervello degli uccelli inghiottono senza rendersi conto di ciò che ingeriscono. Ma questo cosa c’entra con la plastica? Il problema è che la plastica rappresenta un buon terreno di sviluppo per le alghe, e gli uccelli scambiano per krill i frammenti di plastica e, quindi, li ingoiano.

Gli uccelli non sono gli unici animali che se ne cibano: sono almeno 200 le specie che, direttamente o indirettamente, si “nutrono” di plastica, tra cui tartarughe, balene e molti pesci in generale.

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required