Cos'è la capacità portante di un ecosistema?
Spread the love

La capacità portante è il numero massimo degli individui di una popolazione che un particolare ambiente o ecosistema riesce a sostenere: ciò viene raggiunto quando la produzione equivale al mantenimento respiratorio; la quantità di biomassa che può essere sostenuta sotto queste condizioni è conosciuta come massima capacità portante, mentre la capacità portante ottimale è quella sostenibile per lunghi periodi di fronte alle incertezze ambientali. La capacità portante dipende non solo dal numero di individui e dalla biomassa ma anche dallo stile di vita (cioè il consumo energetico pro capite).

Esempio: le formiche tagliatrici di foglie, che vivono nelle foreste tropicali umide, raccolgono dalla vegetazione sezioni di foglie fresche e le portano nei nidi sotto terra come un substrato per coltivare i funghi che costituiscono il loro vero cibo; attraverso differenti studi si arrivò alla conclusione che la capacità portante massima (la dimensione massima della colonia) è raggiunta quando l’input delle calorie di carburante (in forma di foglie raccolte) bilancia il costo energetico del lavoro coinvolto nel tagliare e trasportare le foglie.

Per quanto riguarda le forme di crescita della popolazione, queste possono essere descritte mediante:

– una curva di crescita a forma di J, dove la popolazione aumenta in modo esponenziale fino ad arrestarsi improvvisamente a causa della resistenza ambientale

dN/dt = r N

 

– una curva di crescita a forma di S (o sigmoidale), dove la popolazione aumenta    lentamente all’inizio, pio più rapidamente, ma poi torna subito a crescere lentamente a causa dell’aumento della resistenza ambientale

dN/dt = r N (K-N/K)    K = asintoto superiore o massima capacità portante

Please follow and like us:
Pin Share

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *