A tu per tu con lo strepitoso mondo marino dello squalo balena.
Spread the love

Non so voi, ma io ogni volta che guardo un documentario sugli squali mi ci immergo proprio, soprattutto se lo squalo in questione è uno squalo bianco. Ma lasciamo da parte il grande bianco per concentrare l’attenzione su un altro squalo magnifico: lo squalo balena, il pesce più grande dei mari.

Comincio dalle presentazioni. Lo squalo balena viene raggruppato al’interno degli Orectolobiformi, squali con pinna anale, cinque fessure branchiali e con bocca decisamente davanti agli occhi. Nome scientifico Rhincodon typus. Un altro membro è lo squalo nutrice. Pensate che può raggiungere le dimensioni di 20 metri e pesare fino a circa 30 totonnellate.

Appartiene al pleuston, ovvero individui che passano la loro vita marina nell’interfaccia aria/acqua: ne fanno parte la tartaruga marina, la megattera e il pesce luna. Da distinguere dalle specie demersali: tali individui vivono in mare aperto, ma, quando ne hanno bisogno, possono sostare sul fondale marino (come fa la razza).

Lo squalo balena si alimenta di plancton e di piccoli pesci: in un documentario lo hanno immortalato mentre si cibava, assieme ai delfini, di piccoli pesciolini spalancando la sua enorme bocca. Meraviglioso. E’ un animale pelagico (= che vive in mare aperto) ed è presente in tutti i mari della Terra e in tutti gli oceani tranne nel Mar Mediterraneo.

L’uomo in confronto è una formica. Squalo innocuo per l’uomo.

Please follow and like us:
Pin Share

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger.

2 pensiero su “Un altro squalo che toglie il fiato: a tu per tu con lo squalo balena”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *