Dalle bolle in cubetti di ghiaccio dedotta la velocità di congelamento
Spread the love

Rivelano anche la quantità di gas disciolta

Osservando e studiando la forma delle bolle all’interno dei cubetti di ghiaccio, che sono solitamente a «lacrima allungata» oppure a filamenti simili a dei vermi, i ricercatori sono arrivati a dedurre la velocità di congelamento dell’acqua che ha formato il cubetto, e anche la quantità di gas presente al momento del congelamento che si è disciolta nel cubetto stesso.

È stato appurato infatti che quei campioni che presentano tante bolle piccole e leggermente allungate sono derivate da una elevata velocità di congelamento e da una grande concentrazione di gas. Al contrario i campioni con bolle più grandi e lunghe indicano una velocità di congelamento più lenta.

Tutte queste condizioni possono essere previste attraverso calcoli matematici.

Virgile Thiévenaz, dell’Istituto di istruzione superiore di fisica e chimica industriale di Parigi, studioso della meccanica dei fluidi, afferma: «Possiamo abbinare la maggior parte delle bolle con la stessa equazione».

Conoscendo la velocità di congelamento di un campione si arriva a determinare dunque la concentrazione di gas e viceversa.

Secondo quanto si apprende dall’equazione, le bolle a «verme» lungo crescono a volte in modo incontrollato e indeboliscono la struttura a loro circostante del ghiaccio.

La notizia è illustrata in un articolo su ScientificAmerican.com.

Foto da Wikipedia: Diagramma di stato dell’acqua. L’acqua congela a 0 °C se si trova a pressione atmosferica, ma per pressioni maggiori il congelamento avviene a temperature più basse.

Please follow and like us:
Pin Share

Related Images:

Di Enrico Cannoletta

Amante della natura e della Sampdoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *