Come riconoscere i pidocchi dei capelli

Ecco come appaiono i pidocchi al microscopio.

Ci sono animali dai quali è meglio tenersi alla larga e controllare perché possono essere pericolosi e fastidiosi. Infatti, abbiamo già parlato di cosa fare se ci punge una zanzara, un’ape o una zecca. Inoltre, abbiamo detto cosa dovremmo fare in caso di morso di medusa o di vipera. Ma non è tutto! Oggi vorremmo affrontare un altro argomento importante: come riconoscere i pidocchi dei capelli. Ci siamo serviti del sito internet Wikihow.

Il riconoscimento

Ecco, allora, tutti i modi per riconoscere la presenza di pidocchi dei capelli.

1. Usare un pettine a denti stretti per cercare i pidocchi dei capelli vivi

Usare il pettine a denti stretti per cercare pidocchi vivi.
Foto da Wikihow.

Serve un pettine a denti stretti per cercare i pidocchi vivi perché sono veloci ed evitano la luce. Ecco cosa fare:

  1. potete controllare la vostra testa con i capelli sia asciutti che bagnati, ma in quest’ultimo caso bisogna lavarli con shampoo e balsamo e, infine, li potete fare asciugare prima di pettinarli;
  2. un’altra cosa da fare è usare una spazzola normale per districare i capelli e, poi, adoperare il pettine a denti stretti partendo dalla metà anteriore del cuoio capelluto e, successivamente, pettinarli dalla radice alle punte e, infine, ripetere il procedimento su tutta la testa;
  3. meglio controllare i capelli molto grossi dopo che sono lavati.

2. Cercare le uova con la stessa tecnica

Cercare uova di pidocchi con il pettine a denti stretti.
Foto da Wikihow.

Le uova dei pidocchi non si muovono ed è più facile osservarle.

3. Usare una lente di ingrandimento

Usare la lente di ingrandimento per cercare i pidocchi dei capelli.
Foto da Wikihow.

Sarebbe molto importante usare una lente di ingrandimento perché è facile confondere forfora e sporcizia per pidocchi dei capelli.

4. Verificare alcuni sintomi provocati dai pidocchi dei capelli

Ci sono dei sintomi provocati dalla presenza di pidocchi sulla testa.
Foto da Wikihow.

Questi animali possono portare allo sviluppo di alcuni sintomi, come il solletico o il prurito in testa. Se quest’ultimo è molto intenso bisogna controllare la testa. L’uomo è allergico alla saliva che i pidocchi iniettano quando succhiano il sangue.

5. Controllare se ci sono graffi sul cuoio capelluto

Controllare se ci sono dei graffi sul cuoio capelluto.
Foto da Wikihow.

Si possono creare dei graffi quando ti gratti. Infatti, i batteri sul cuoio capelluto li possono infettare.

6. Cercare protuberanze piccole che possono essere presenti sul cuoio capelluto

Cercare se ci sono delle piccole protuberanze sul cuoio capelluto.
Foto da Wikihow.

Queste piccole protuberanze sono provocate dal morso dei pidocchi nel momento in cui succhiano il sangue e possono formare delle crosticine o infettarsi.

Immagini per riconoscerli

Ecco, invece, ora alcune immagini per riconoscere i pidocchi (Foto da Nostrofiglio).

1. Uova di pidocchi sulla testa di una bambina

Ecco una foto delle uova di pidocchi sulla testa.
Foto da Nostrofiglio.

Un primo piano delle uova di pidocchi sulla testa di una bambina. Questi animaletti sono insetti che infestano anche il cuoio capelluto.

2. Un’altra foto delle loro uova sulla testa

Foto di uova di pidocchi sulla testa.
Foto da Nostrofiglio.

Ecco un’altra immagine che fa vedere bene le uova di pidocchi sulla testa, che non sono facilmente riconoscibili.

3. Pidocchi e capocchia del fiammifero

Pidocchio al fianco della capocchia di un fiammifero.
Foto da Nostrofiglio.

Qui potete notare come appare il pidocchio al fianco della capocchia di un fiammifero.

4. I pidocchi al microscopio

Ecco come appaiono i pidocchi al microscopio.
Foto da Nostrofiglio.

Volete vedere come appaiono i pidocchi al microscopio? La foto lo fa notare bene.

5. L’ascesso sulla testa

Un ascesso sulla testa con una grave infestazione di pidocchi.
Foto da Nostrofiglio.

Ecco un ascesso sulla testa con un’infestazione di pidocchi.

Ora sappiamo come poter riconoscere la presenza di pidocchi dei capelli. Conoscete altri modi per farlo?

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required