Aumento del 400% di fibrillazioni atriali negli ultimi 50 anni
Spread the love

Recenti studi lanciano l’allarme su questo grave pericolo

Alcuni nuovi studi evidenziano che i casi di fibrillazione atriale si sono quadriplicati nel corso degli ultimi 50 anni. Ma c’è di più: circa 25% dei casi non verrebbe diagnosticata.

Si tratta di un allarme da prendere in seria considerazione perché se la situazione non viene trattata può verificarsi l’ictus.

La fibrillazione atriale avviene quando i segnali elettrici presenti negli atri, ovvero le camere superiori del cuore, non sono coordinati e provocano battiti cardiaci irregolari.

Nel novembre scorso alcuni gruppi medici prestigiosi hanno diramato alcune linee guida di prevenzione, ed hanno invitato i loro colleghi a incoraggiare i pazienti verso abitudini più salutari per il cuore controllando il ritmo cardiaco anche sotto sforzo.

Gli esperti si sono concentrati anche su specifici gruppi, quali ad esempio le donne e quelli che vivono in zone perificheriche o disagiate, per i quali i controlli possono essere più difficoltosi.

La notizia è stata oggetto di un articolo apparso su ScientificAmerican.com.

Il cardiologo Jared Magnani dell’Università di Pittsburgh ha confermato: «È una malattia che richiede monitoraggio e rilevamento e poi richiede l’accesso alle cure mediche, con un partner che prenda decisioni su circa i farmaci, nonché terapie e trattamenti più avanzati».

Foto da Wikipedia

Please follow and like us:
Pin Share

Related Images:

Di Enrico Cannoletta

Amante della natura e della Sampdoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *