Spread the love

Oggi vorrei parlare di una scoperta che ha dell’incredibile! Un gruppo di ricercatori ha brevettato in laboratorio il primo mini-cervello umano, costruito a partire da cellule staminali. Un passo avanti che proietta l’uomo verso un sensibile utilizzo di queste cellule fondamentali per la lotta contro le patologie rare.

Cervello umano

Nel laboratorio dell’Istituto di biotecnologia molecolare dell’Accademia austriaca delle scienze, un team di esperti e professionisti del settore ha brevettato un cervello umano di piccole dimensioni, ma capace di essere impiegato in differenti ambiti medici, soprattutto per quanto riguarda la salute umana.

Il progetto del mini cervello a partire da cellule staminali verrà utilizzato per studiare i meccanismi attraverso i quali agiscono alcune patologie rare del cervello, come, ad esempio, la schizofrenia e l’autismo. I ricercatori sono convinti che potrà agire anche nella battaglia contro le malattie neuro-degenerative: il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer.

Cosa sono esattamente le cellule staminali?

Le cellule staminali sono cellule indifferenziate presenti nell’uomo e che possono originare altri tipi cellulari andando incontro ad un processo di differenziazione. Sono presenti in quantità abbondanti nel midollo osseo e nel cervello, come spiega bene questo video.

Agiscono nella rigenerazione cellulare, dei tessuti e degli organi. Vengono usate nella lotta contro patologie rare: il Morbo di Parkinson e l’Alzheimer. In Italia vengono, inoltre, utilizzate nella battaglia verso l’atrofia muscolare e la sclerosi multipla.

neuroni

Gli studi per rigenerare tessuti partendo dalle staminali finora avevano portato solo alla creazione di abbozzi di organi meno complessi, come fegato o rene. Questa volta si è arrivati a un organo complesso, il più complesso.

Inoltre, sono risultati positivi i primi risultati a base di cellule staminali per combattere la Sla, la sclerosi laterale amiotrofica, una patologia rara degenerativa e progressiva del sistema nervoso che colpisce i motoneuroni, particolari neuroni implicati nel movimento corporeo. Ad annunciarlo il professor Angelo Vescovi, direttore dello studio, in un convengo tenuto a Roma.

Il futuro non è poi così lontano come si crede!

Cosa ne pensate?

Segui i tweet

 

Please follow and like us:
Pin Share

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger.

Un pensiero su “Cellule staminali: costruito il primo cervello umano”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *