La capra.Foto da Cashmereandcachemire.
Spread the love

Le capre sono animali che sono stati creati dalla natura che ci circonda e per alcuni sono sensazionali. Abbiamo già parlato di quali differenze ci sono tra queste e le pecore, ma ora vogliamo vedere cosa mangiano grazie ad un articolo che abbiamo letto sul sito Imieianimali.

Le capre sono dei ruminanti che sono destinate principalmente alla produzione di latte e derivati e c’è da dire che il loro allevamento risale a secoli fa, ma viene applicato in tutto il mondo ancora oggi.

Considerazioni sul loro allevamento

Nel loro habitat naturale pascolano e mangiano semi di grano come il mais e la loro dieta include frutta di alberi, radici e arbusti. Vivono di solito in zone montuose dove passano la maggior parte del loro tempo passeggiando alla ricerca di pascoli. Una delle loro migliori qualità è la memoria che è buona.

La loro carne non è tanto richiesta come quella di altri caprini, tuttavia sono dei grandi produttori di latte.

Il cibo per le capre domestiche

Il miglior mangime per le capre è quello bilanciato e che è in grado di garantire tutti i nutrienti necessari per il loro sviluppo fisico, per il funzionamento del corpo e per quello dell’apparato digerente e respiratorio.

Possiamo dire che alle capre domestiche possiamo dare da mangiare erba, fieno, frutta e cereali.

Inoltre, i mangimi permettono di rinforzare la dose di cereali necessaria per le capre da latte. Ma anche il grano, la farina di soia e l’avena sono alimenti fondamentali.

Corrette forme di alimentazione

Ma non è tutto. Infatti, le capre domestiche devono evitare assolutamente l’ingestione di erbe nocive che possono causare l’avvelenamento: bisogna non fare mangiare arbusti velenosi, foglie di pomodoro e piante ornamentali.

Ecco che abbiamo visto finalmente cosa possono mangiare le capre, che sono animali che in tanti considerano meravigliosi.

Cosa ne pensate?

Please follow and like us:
Pin Share

Related Images:

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger. Fondatore di questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *