Il pesce pagliaccio.
Spread the love

Il pesce pagliaccio è uno spettacolo che è stato creato dalla Natura. Volete sapere qualcosa su di lui? Ebbene, ho scelto le informazioni adeguate dal sito Tuttogreen e, inoltre, potreste dare uno sguardo ad un altro mio articolo sull’anguilla.

Caratteristiche

Il pesce pagliaccio non è tanto lungo e pensate che la sua lunghezza va dai 7 ai 16 centimetri ed è presente nelle acque tropicali calde. Il suo colore è rosso-arancio con striature bianche e nere e ricorda il trucco del clown che gli conferisce il nome comune.

Ha una pinna dorsale munita di 10 spine ed è noto anche come pesce anemone dal nome dell’attinia in cui molto spesso trova rifugio. Si tratta di un animale mozzafiato.

Habitat

Il pesce pagliaccio è diffuso in Natura lungo le barriere coralline dell’Oceano Pacifico, Indiano e del Mar Rosso, ma non è presente nel Mar dei Caraibi perché qui non ci sono le anemoni di mare e le attinie.

Vive in una situazione di simbiosi mutualistica con le anemoni grazie alla quale il pesce trova rifugio e depone le uova tra i loro tentacoli, mentre al tempo stesso le protegge dai predatori.

Alimentazione

Qual è il loro cibo prediletto? Sarebbe ghiotto di plancton (l’insieme degli organismi che non si muovono di movimento proprio, ma per mezzo delle correnti marine), mentre non disdegna neppure i residui di altri pesci che trova tra le ramificazioni delle anemoni.

Riproduzione

Questa specie origina coppie stabili ed è la femmina a dominare. L’unico maschio che ha raggiunto la maturità sessuale è il suo compagno e c’è da dire anche che quest’essere vivente è molto prolifico tanto è vero che riesce a deporre tra 200 e 400 uova.

Quest’organismo sembra davvero un clown, ragazzi, e perciò fatevi una bella risata.

Cosa ne pensate? Vi piace?

Please follow and like us:
Pin Share

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *