Un topo.Foto da Lucianabartolini.
Spread the love

Il topo è un animale molto fastidioso e che trasmette brutte emozioni a quasi tutte le persone e in tanti preferiscono non avere a che fare nulla con quest’essere vivente. Abbiamo già parlato di quale differenza ci sia tra questa creatura della natura e il ratto, ma ora è arrivato il momento di vedere cosa può mangiare grazie alle informazioni che abbiamo letto sul sito Derattizzazioni.

Informazioni

Prima di iniziare, vediamo qualche informazione su quest’animale. Allora, il topo ha il corpo ricoperto da pelo, è allungato e ha i peli tattili nel naso che sono conosciuti come vibrisse. Inoltre, gli arti anteriori hanno quattro dita, quelli posteriori cinque e i piedi hanno dei cuscinetti plantari.

Ha la coda coperta da squame e senza peli e può essere anche più lunga del corpo e la sua funzione è di stabilire e mantenere l’equilibrio. Ma dove vive? Ebbene, vive abbastanza bene nelle discariche a cielo aperto, nelle reti fognarie, nei cumuli di materiale delle imprese edili e nelle auto lasciate ferme per tanto tempo.

Cosa mangiano

Cosa mangiano i topi? Sono esseri viventi onnivori e mangiano alimenti animali e vegetali. Il formaggio non è un cibo che amano e, quindi, se voleste catturali non ci riuscireste mai: riesce solo nei cartoni animati! Si possono alimentare di frutta (banana, cocco e mirtilli), dolci, verdura, cereali, insetti volanti e striscianti, carne (la loro preferita è quella di manzo), pollame e avanzi di salsiccia. In casi estremi possono diventare cannibali e cibarsi uno dell’altro, ma prima dovrebbero vivere in cattività per molto tempo e senza cibo.

Ora abbiamo parlato un po’ dei topi dando qualche informazione generale, vedendo dove possono vivere questi animali e spiegando anche cosa possono mangiare. Sono esseri molto fastidiosi, ma meritano rispetto lo stesso perché sono creature di Madre Natura.

Cosa ne pensate?

Please follow and like us:
Pin Share

Related Images:

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger. Fondatore di questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *