energia quasi gratis e senza limiti
Spread the love

Tutti sapete che la produzione di energia elettrica ha effetti negativi sull’ambiente perché la maggior parte dell’energia è prodotta principalmente da fonti di energia non rinnovabili (come le centrali di carbone, il petrolio e il nucleare) che creano un alto tasso di inquinamento, deleterio per la natura. E costano anche troppo! A eliminare questo problema una volta per tutte ci ha pensato un team di scienziati, che ha elaborato un modo efficace per produrre energia quasi gratis e senza limiti.

I ricercatori, infatti, hanno sperimentato con successo come usando la luce del Sole è possibile trasformare l’anidride carbonica in carburante, rilasciando ossigeno puro in atmosfera. La scoperta è stata pubblicata sul sito PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences). Secondo gli scienziati è una cosa che si può realizzare tranquillamente e sono convinti che:

“Si ottengono idrocarburi esattamente identici a quelli che vengono utilizzati da auto, camion e aerei, e dunque non c’è bisogno di modificare i motori o progettarne di nuovi”.

Cosa serve per poterlo fare?

Secondo gli esperti, per ottenere energia quasi gratis e senza limiti occorre una temperatura tra 180 e 200 gradi Celsius, una pressione superiore di sei volte quella atmosferica e acqua semplice, da fare reagire con l’anidride carbonica.

riscaldamento globale
Il nostro pianeta si può ancora salvare dall’inquinamento eccessivo.

Gli scienziati non hanno dubbi e sottolineano:

“Siamo i primi ad avere messo a punto un sistema così semplice, che con la luce del Sole e il calore trasforma, in un solo passaggio, l’anidride carbonica in idrocarburi e ossigeno”.

Come funziona questo sistema?

Semplice! Infatti, la luce, concentrata da lenti, guida una reazione fotochimica che produce energia e calore, che fanno partire una reazione termochimica che porta alla produzione di idrocarburi.

Tuttavia, produrre energia elettrica completamente gratis non è possibile, attualmente. Si deve pagare sempre qualcosa.

Cosa ne pensate?

Please follow and like us:
Pin Share

Related Images:

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger. Fondatore di questo blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *