Platino, fu scambiato per argento ma vale più dell'oro
Spread the love

Il titolo è eloquente e avrete capito che si sta parlando del platino. Quella che forse per molti è una novità è che deve il suo nome al fatto di essere stato scambiato per l’argento al momento della sua scoperta, e da questo aneddoto ha tratto pure il nome: platino, dallo spagnolo plata = argento.

Il platino attualmente ha una quotazione che supera quella dell’oro, e ciò è dovuto principalmente alla sua rarità, sebbene

Platino, fu scambiato per argento ma vale più dell'oro
Giacimento con platino

abbia un utilizzo industriale di tutto rispetto. A questo occorre aggiungere la procedura particolare necessaria per la sua estrazione in quanto viene solitamente ritrovato nella sabbia misto a oro, argento e altri metalli, tra cui il nichel, in una proporzione del solo 2%. Da ciò possiamo anche capire come sia potuto accadere che in origine fosse stato preso per argento, complice anche il suo aspetto bianco e lucido.

Dopo oro e argento, il platino è anche il metallo più duttile e malleabile, ed è dotato della grande capacità ad opporsi all’ossidazione. Ottimo catalizzatore, è anche in grado di resistere alla corrosione. Occupa il posto numero 78 della tavola periodica e la sua struttura cristallina è cubica a facce centrate, simile a quella dell’argento. Il suo peso specifico (densità) è pari a 21.450 Kg. al metro cubo, mentre la sua durezza raggiunge a malapena il grado 3,5 della scala Mohs.

Platino, fu scambiato per argento ma vale più dell'oro
Schema atomico del platino nella raffigurazione classica (Bohr)

L’atomo del platino risulta più concentrato rispetto a quello dell’argento, misurando il suo raggio 135 pm (picometri). Il peso arriva a 196 u (unità atomiche, dalton). È importante ricordare che il “metro” campione conservato al Bureau International des Poids et Mesures di Sévres in Francia, è stato a lungo costituito da una barra in platino e iridio, come pure il peso campione del Kilogrammo, ed è stato utilizzato per la determinazione dell’elettrodo standard a idrogeno. Tutto dovuto alle sue caratteristiche fisiche che garantiscono una perfetta inerzia chimica.

Eppure gli Spagnoli, quando lo trovarono per la prima volta in Colombia, e arrivarono a capire che non si trattava di argento, lo snobbarono, ed anche il diminutivo rispetto a “plata” è da intendersi in senso dispregiativo. Di platino si fa grande uso in gioielleria, ma recentemente viene usato anche a scopi sanitari con il suo composto cisplatino utile come anti-tumorale. Una grande richiesta di platino arriva anche dall’industria elettronica per la creazione dei migliori cavi HDMI per la visione in alta definizione.

La maggior parte del platino viene estratto in Sudafrica, circa 3/4 della produzione mondiale. Se a questa aggiungiamo quella rinvenuta in Russia, Canada, Zimbawe e U.S.A. si arriva al 98% del totale estratto nel mondo. L’estrazione del platino è pericolosa per i minatori. Recentemente il Sudafrica ha pensato di varare una legge per la sicurezza che porterà all’abbattimento del 7% della quantità estratta.

Please follow and like us:
Pin Share

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *