Sono positivi i primi risultati a base di cellule staminali per combattere la Sla
Spread the love

Sono positivi i primi risultati a base di cellule staminali per combattere la Sla, la sclerosi laterale amiotrofica, una patologia rara degenerativa e progressiva del sistema nervoso che colpisce i motoneuroni, particolari neuroni implicati nel movimento corporeo. Ad annunciarlo il professor Angelo Vescovi, direttore dello studio, in un convengo tenuto a Roma.

La ricerca è stata autorizzata dall’ Istituto Superiore di Sanità e concepita dall’associazione Neurothon: il primo esperimento, tenuto il 25 giugno 2012 e terminato a fine marzo di quest’anno, ha dato risultati eccellenti e positivi. Sembra proprio che l’uso di cellule staminali possa essere di grande aiuto nella lotta contro la sclerosi laterale  amiotrofica.

Il professor Angelo Vescovi ha dichiarato:

“Siamo soddisfatti ed orgogliosi di aver mantenuto la promessa fatta ai nostri sostenitori, ai malati e alle loro famiglie, di avviare una sperimentazione di terapia cellulare sulla Sla. Il nostro è uno studio sperimentale condotto secondo i più rigorosi criteri scientifici ed etici, per una malattia neurologica mortale. La nostra ricerca  è sostenuta da un’associazione no profit e il nostro metodo, in opera dal 1999, non è stato brevettato”.

La sperimentazione è stata seguita secondo regole internazionali e utilizzando cellule staminali prodotte seguendo le norme sanitarie, con certificazione dell’Aifa, l’Associazione italiana del farmaco.

Cosa ne pensate?

Please follow and like us:
Pin Share

Di aletave

Dottore in Scienze Naturali, copywriter e blogger.

Un pensiero su “Sla: positivi i primi risultati”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *