La Natura è anche distruttiva: gli uragani in futuro saranno più devastanti

Gli uragani saranno più devastanti
Spread the love

I clima sta cambiando sul nostro pianeta e la temperatura globale è in aumento: il riscaldamento è evidente. Ormai si sta facendo sempre più affermata tra gli scienziati un’ipotesi che condivido anche io: in un futuro non molto lontano gli uragani saranno più intensi e devastanti. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Nature. Perché avranno una forza maggiore rispetto a oggi?

Come si forma un uragano?

Ciclone, tifone o uragano sono sinonimi dello stesso evento meteorologico che si sviluppa nei mari tropicali – dove la temperatura dell’acqua supera i 18 gradi centigradi – a partire dall’evaporazione rapida di una massa d’acqua che genera enormi nuvole temporalesche (cumulonembi), originando velocemente il ciclone.

Il riscaldamento rapidissimo dell’aria che ricopre la superficie dell’oceano produce un veloce richiamo d’aria calda verso le parti alte dell’atmosfera (quella fredda scende) generando una corrente d’aria convettiva che origina l’occhio del ciclone, che può avere un diametro anche di qualche chilometro.

Quindi, l’uragano si origina da un riscaldamento. La maggior parte degli scienziati ha registrato un aumento della temperatura media globale della Terra e degli oceani, che genererà cicloni più intensi e devastanti.

Ecco come si manifesta un uragano.

Perché nel Mar Mediterraneo è raro osservare un ciclone?

Il Mare Nostrum non dovrebbe permette la formazione di eventi temporaleschi riconducibili agli uragani in quanto la temperatura dell’acqua non risulta elevata e l’evaporazione è lenta. Tuttavia, il Mar Mediterraneo sta subendo il fenomeno della tropicalizzazione.

Cos’è la tropicalizzazione del Mar Mediterraneo?

È un evento che porta ad un rapido incremento della temperatura dell’acqua che si traduce in una evaporazione veloce del mare: il risultato è la formazione di grandi nubi temporalesche, cioè cicloni tropicali devastanti.

Secondo le vostre ricerche, saranno più devastanti in futuro gli uragani?

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required