Squalo toro e squalo leuca possono risalire i fiumi

Scopri perché lo squalo toro e leuca possono risalire i fiumi

Le due specie di squali che riescono a risalire il corso dei fiumi sono lo squalo toro e lo squalo leuca.

Sono pesci cartilaginei, ovvero con l’apparato scheletrico costituito da cartilagine che lo rende leggero, flessibile e idrodinamico. Nei pesci ossei lo scheletro è fatto da una matrice ossea, invece. Sono pesci cartilaginei razze, mante, torpedini e squali.

Scopri perché lo squalo toro e leuca possono risalire i fiumi
Squalo toro

Lo squalo leuca o carcarino, Carcharhinus leucas, viene chiamato anche squalo zambesi perché è in grado di risalire il fiume Zambesi (in Sudafrica), seminando panico tra le popolazioni presenti lungo le rive del fiume.

Il Carcharias taurus, lo squalo toro, è stato anch’esso osservato mentre risaliva il corso dei fiumi: è un lamniforme come lo squalo bianco, predatore all’apice delle catene alimentari marine.

In che modo riescono a tollerare l’acqua dolce?

Gli squali solitamente non riescono a tollerare un ambiente dolce perché la concentrazione dei sali nel sangue è uguale a quella del mare, non permettendo al corpo di adattarsi ad un ambiente d’acqua dolce e, di conseguenza, non risalgono i fiumi.

Scopri perché lo squalo toro e leuca possono risalire i fiumi
Squalo leuca

Lo squalo leuca e lo squalo toro possiedono meccanismi fisiologici che diminuiscono la concentrazione di sali nel sangue: in questo modo la risalita verso i fiumi è possibile in quanto il corpo riesce ad adattarsi al passaggio tra due ambienti estremamente differenti.

 Segui il tweet sullo squalo leuca

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required